Progetto ristrutturazione edilizia (Milano e Provincia, Monza e Brianza, Bergamo)

progetto ristrutturazione ediliziaLa ristrutturazione edilizia consiste in tutta una serie di interventi finalizzati al ripristino funzionale di uno specifico fabbricato. Per salvaguardare il profilo statico dell’edificio talvolta è prevista anche la demolizione e ricostruzione di alcune sezioni o pilastri, azioni che possono essere associate ad opere di consolidamento attuate mediante tiranti in metallo. Per poter elaborare il progetto è necessaria una precisa ricostruzione grafica della struttura e dunque, nel caso questa non fosse presente, si procede con il rilievo generale.

Il progetto di ristrutturazione, in questa fase preliminare, può essere impostato con schizzi basati sul rilievo cartaceo, attenendosi comunque ad eventuali limiti imposti dal cliente, come per esempio l’impossibilità di modificare alcuni elementi strutturali o di completamento. Per tali motivi si è soliti stilare un elenco di parti da salvaguardare, anche perché tali limiti possono interessare le norme sul rispetto del paesaggio naturale circostante o la storia dell’edificio. In una seconda fase le misure del progetto vengono registrate con precisione, prestando molta attenzione alle condizioni delle fondamenta e all’intera statica dell’edificio, nonché alle migliorie da apportare: fondazioni, muri portanti, pilastri e travi di sostegno.

Gli interventi di consolidamento richiedono particolare cure e spesso l’utilizzo di tiranti in ferro rappresenta una soluzione efficace e poco costosa. Risolti i problemi di statica, una delle questioni principali da affrontare riguarda i vari ambienti e i loro collegamenti (finestre, corridoi e scale). La nuova logica sull’impostazione dell’edificio può portare allo spostamento di una scala, soprattutto se questa irrigidisce la funzionalità degli ambienti. I materiali previsti dal progetto di ristrutturazione edilizia sono di norma compatibili con la particolare tipologia di edificio, soprattutto nei casi in cui questo sia di interesse storico.

Molto spesso, infatti, la salvaguardia degli elementi antichi può risultare sconveniente dal punto di vista della ristrutturazione architettonica; un esempio valido è costituito dai coppi fatti a mano da antichi artigiani locali, che potrebbero provocare delle infiltrazioni ma costituiscono al contempo un elemento storico da preservare. Solitamente gli elementi in legno, come gli architravi, non vengono rimossi e si preferisce inglobarli all’interno dei muri portanti, ovviamente dopo aver estirpato le parti fatiscenti e aver somministrato l’impregnante specifico per quel tipo di legno e contesto.

Anche i solai vengono in genere risparmiati e rinforzati con l’innesto di travi lignee o apposite reti in metallo, utilizzate per ripristinare la funzionalità del pavimento. I costi dei progetti di ristrutturazione edilizia sono variabili, dipendono dalla tipologia di intervento, dal tipo di materiali che questo richiede e dal contesto in cui il lavoro verrà attuato.

Richiedici un preventivo gratuito!

Non esitare a contattarci per avere un preventivo gratuito realizzato sulle tue esigenze.

Alcuni dei nostri lavori