Strutture, Sismica e Collaudi

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI

Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) sono state periodicamente aggiornate a partire da inizio '900. Dapprima erano Decreti Regi e poi DM in ottemperanza a Leggi. La prima Legge è la 1086/71, ora inglobata nel DPR 380/2001 Testo Unico dell'Edilizia.

Sotto il profilo tecnico, nel periodo recente, il DM 09/01/96 è stato sostituito dall'Ordinanza PCM 3274 del 20 Marzo 2003 seguita al disastroso crollo di San Giuliano di Puglia in cui persero la vita circa 30 persone, quasi tutti bambini.

Quest'ultima Norma ha:

Una serie di rinvii – all'italiana - ha però ritardato l'entrata in vigore della Norma, cui è succeduto il DM 14/09/2005 – anch'esso praticamente mai entrato in vigore a parte la zonazione sismica e, finalmente, le NTC di cui al DM 14 Gennaio 2008, entrate in vigore definitivamente e pienamente il 30/06/2009 insieme alla Circolare Min. LL.PP. n. 617 del 02/02/2009; Norma attualmente in vigore.

Pertanto, dal Giugno 2009, in tutta l'Italica penisola, ogni fabbricato viene progettato applicando la normativa antisismica.

Sono già a buon punto di elaborazione le nuove NTC, attese, pare, entro il 2017.

Sul fronte Regionale – Lombardia – il DGR 2129 del 11/07/2014 ha ridefinito la zonazione sismica, lasciando invariate le accelerazioni definite dal reticolo nazionale (cambia la zona a parità di azione sismica).  Il 10/04/2016 è entrata in vigore la modulistica unificata sismica di cui alla LR n. 33 del 12/10/2015, che con la DGR 5001 del 30/03/2016 trasferisce ai comuni le funzioni in ambito sismico e con il D. Dirig. n. 3809 del 03/05/2016 definisce  la piattaforma MUTA per l'inoltro telematico delle “denunce strutture” complete di relazioni ed elaborati grafici. La piattaforma sarà operativa nel Maggio 2017. Nelle more si utilizza la medesima modulistica in forma cartacea.

 

VULNERABILITA' SISMICA

L'Ordinanza PCM 3274 del 20 Marzo 2003 istituisce il concetto di Vulnerabilità Sismica, definito dall'Indice di Rischio IR.

L'Indice di Rischio è il rapporto tra la “Capacità (Resistenza)” e la “Domanda (Carichi)” sismica dell'edificio. Per definizione è minore o uguale a 1 e tanto più è basso l'indice tanto più alto è il rischio sismico.

In termini concreti si calcola come rapporto tra le accelerazioni di picco (PGA) massima sopportabile dall'edificio (capacità) e quella di riferimento massima del sito (domanda), valutata allo stato limite di collasso o di salvaguardia della vita a seconda del tipo di struttura. La domanda sismica viene valutata sulla base degli annessi alle NTC di cui al DM 14 Gennaio 2008.

La valutazione della Vulnerabilità Sismica è obbligatoria per gli edifici di classe IV e III, come definito dalla NTC 2008 e rispettivamente elencati:

Classe IV: “Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della Protezione Civile in caso di calamità. … omissis”.

Tali opere sono, per lo più, dello stato. Ricadono in questa classe la viabilità principale, ospedali, caserme, dighe, centrali elettriche, etc.

Classe III: “Costruzioni il cui uso preveda affollamenti significativi. Industrie con attività pericolose per l'ambiente. … omissis”.

Le opere con affollamenti significativi sono scuole, centri commerciali, cliniche mediche, palestre, oratori, sale congressi e cinematografiche, alberghi e così via.

L'ultima proroga della valutazione di Vulnerabilità Sismica è scaduta nel 2013. Pertanto chi non l'avesse ancora fatta non è in regola non solo come norma sulle strutture, ma anche con le conseguenti e forse più gravi implicazioni di cui al D. Lgs. 81/2008 (TU Sicurezza sul Lavoro).

Fatta la valutazione di vulnerabilità sismica, si passa – obbligatoriamente - alla pianificazione dell'intervento.

Si calcola la “vita nominale residua”, corrispondente al “Tempo di Ritorno” del sisma  che provoca azioni pari alla capacità sismica dell'edificio in esame.

Questo è il termine entro cui effettuare l'intervento di “adeguamento” o “miglioramento” sismico.

Con “adeguamento” si intende riportare la struttura ad una capacità sismica pari a quella richiesta dalla Norma vigente, ovvero IR = 1.

Con “miglioramento” si intende aumentare la capacità sismica. Le Norme Nazionali non individuano una soglia minima di miglioramento (la lacuna dovrebbe essere colmata dalle nuove NTC in arrivo, forse già dal 2017). Allo stato attuale si fa concorde riferimento (anche in bandi pubblici) al valore di IR = 0,6 fissato dalla Regione Emilia Romagna post terremoto di Modena 2012.

 

MODELLAZIONE SISMICA

Di base, pre modellazione sismica, va verificata la statica dell'immobile. Non avrebbe infatti senso discutere di azioni sismiche su un edificio già insicuro.

Fatto il passo sopra e progettati gli eventuali opportuni rinforzi, occorre definire il comportamento della struttura sotto l'azione sismica di progetto (meglio farlo prima … a volte dopo è troppo tardi).

Ciò viene fatto mediante la cosiddetta modellazione sismica, ovvero un modello bi o tridimensionale del fabbricato con dimensioni e materiali costruttivi cui vengono applicate le combinazioni di carico come previste dalla normativa.

La modellazione può essere del tipo:

  1. analisi statica lineare
  2. analisi statica non lineare (pushover)
  3. analisi dinamica lineare (con spettro di risposta)
  4. analisi dinamica non lineare.

Ciascuna ha pregi, difetti, limiti e condizioni di applicabilità.

Le più usate sono l'analisi dinamica lineare e l'analisi statica non lineare.

NB: nel caso di edifici industriali senza connessioni tra i vari elementi prefabbricati, la modellazione sismica ha senso solamente dopo aver realizzato (ipotizzato) le connessioni.

 

VALUTAZIONE  DELLA  VULNERABILITA'  SISMICA

L'iter logico procedurale può essere così schematizzato (vedi Prof. Marco Boscolo Bielo “Vulnerabilità sismica degli edifici industriali”, Legislazione Tecnica 2012).

a)     esame della documentazione di progetto (in generale si tratta di quella relativa al Deposito del Genio Civile, ex legge 1086/71, ora DPR  380/01).

In mancanza del progetto strutturale occorre procedere con rilievi geometrici e materici come sotto specificato (*)

b)     raffronto fra le condizioni di progetto e lo stato dell'opera eseguita, con eventuale individuazione delle carenze (nodi trave / pilastro, trave / trave, trave / parete, ecc.)

c)     indagini strutturali di complemento (se si ritiene insufficiente la documentazione progettuale di cui al punto precedente)

d)     indagini geologiche (sempre se si ritiene insufficiente la documentazione di progetto)

e)      confronto fra i parametri sismici del progetto depositato e quelli previsti dall'attuale norma in vigore (DM 14.01.08)

f)     determinazione delle condizioni di sollecitazione previste dall'attuale normativa (DM 14.01.08);

g)      verifica delle membrature in relazione ai parametri sismici attualmente vigenti

h)     ricognizione delle carenze delle membrature (geometrie, armature longitudinali, staffature, ecc.)

i)      valutazione della “capacità sismica” della struttura (ovvero determinazione delle massime azioni sismiche che la costruzione è in grado di sopportare)

j)     confronto con la “domanda sismica” (ovvero con le azioni sismiche previste della normativa vigente)

k)     espressione dell'indice di vulnerabilità IR

Dopo queste fase si passa alla:

l)     scelta dei criteri di intervento per aumentare le condizioni di sicurezza

e conseguentemente alla:

m)     nuova valutazione dell'indice di vulnerabilità al fine di una quantificazione numerica degli effetti migliorativi degli interventi adottati.

(*) In mancanza di progetto strutture:

 

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO O ADEGUAMENTO

Come detto, per miglioramento si intende aumento della capacità sismica, mentre per adeguamento si intende il raggiungimento della capacità sismica richiesta dalle Norme.

Ogni tipologia strutturale richiede interventi abbastanza tipici funzione delle caratteristiche meccaniche e tipologiche costruttive.


Edifici prefabbricati in cemento armato precompresso

Come sopra anticipato, occorre procedere alle connessioni tra i vari elementi strutturali onde avere un comportamento d'assieme e scongiurare i catastrofici effetti della perdita d'appoggio (vedi Modena 2012) o alla verifica delle stesse se esistenti.

Gli interventi tipici per l'aumento effettivo della capacità sismica, consistono in:

 

Edifici in opera in cemento armato

Gli interventi tipici per l'aumento effettivo della capacità sismica, consistono in:

 

Edifici in muratura

Sicuramente il caso più eterogeneo, in quanto si possono avere molteplici tipologie costruttive al variare di murature, solai, coperture, etc.

Gli interventi tipici per l'aumento effettivo della capacità sismica, consistono in:

 

 

 

 

 

Collaudi Statici

Tutte le costruzioni prima di essere immesse al loro utilizzo, devono essere oggetto di collaudo statico positivo, da eseguirsi a cura di Ingegnere o Architetto iscritto al rispettivo Ordine da almeno 10 anni.

Quanto sopra è dettato dall'art. 67 del Testo Unico (TU) per l'Edilizia di cui al DPR 6 Giugno 2001 n. 380 e smi.

Per struttura si intende un complesso di membrature atte a fornire una funzione statica.

Esse sono regolate dalle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) di cui al D. Min. Infrastrutture del 14 Gennaio 2008 e smi, che al cap. 1 – Oggetto - reca:

“Le presenti Norme Tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l'esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni loro richieste in termini di requisiti essenziali di resistenza meccanica e stabilità, anche in caso di incendio, e di durabilità.

Esse forniscono dunque i criteri generali di sicurezza, precisano le azioni che devono essere utilizzate nel progetto, definiscono le caratteristiche dei materiali e dei prodotti e, più in generale, trattano gli aspetti attinenti alla sicurezza strutturale delle opere.”

La procedura dettata dal TU Edilizia - artt. 64, 65 e 66 - dispone la denuncia delle opere strutturali da realizzare corredata dei nominativi dei soggetti interessati – Committente, Progettista, Direttore Lavori e Esecutore Lavori - e il deposito - presso il Comune in cui ha luogo la costruzione – degli elaborati grafici di progetto, delle relazioni di calcolo e dei materiali impiegati.

A opere concluse seguirà la relazione a strutture ultimate con allegati i certificati di resistenza dei materiali usati.

Infine il collaudo statico a chiusura e sigillo della pratica.

Il collaudo può essere o meno corredato di prove di carico a discrezione del collaudatore. La prova di carico evidenzia e certifica la rispondenza della struttura sia in termini di resistenza che, soprattutto, in termini di deformazioni.

 

CERTIFICATO DI IDONEITA' STATICA

La definizione “collaudo statico” si trasforma in “certificato di idoneità statica” (CIS) quando non è presente la denuncia strutture e mancano dunque tutti i documenti relativi alle strutture e ai loro progettisti e DL.

Ciò succede di solito per edifici concessionati prima del 1971, anno di istituzione degli Uffici del Genio Civile quale organismo deputato alla ricezione e conservazione della denuncia strutture e di tutta la documentazione di cui agli  artt. 64, 65, 66 e 67, dunque sino al collaudo statico.

Oggi tutte le denunce strutture vengono depositate presso i Comuni dove ha luogo la costruzione.  Sempre ai Comuni sono state restituite tutte le pratiche depositate nel tempo presso gli Uffici del Genio Civile.

Prima del 1971 i progetti strutture venivano depositati presso le Prefetture, peraltro in forma molto semplificata rispetto alla attuale.

Questa documentazione è, generalmente, interamente perduta.

Il Tecnico Incaricato di effettuare la CIS di un edificio ha pertanto su di sé l'onere di individuare l'organismo resistente, compiendo i rilievi e le indagini atti a definire compiutamente le strutture, quali:

 Effettuare i calcoli di verifica, previa definizione col cliente del livello di sicurezza richiesto, secondo i seguenti passi:

Va da sé che, in caso di verifica di sicurezza insoddisfatta, occorre agire riducendo i sovraccarichi sulle strutture o consolidando / rinforzando l'organismo resistente.

Il Regolamento Edilizio di Milano di recentissima approvazione (BURL n. 48 del 26 Novembre 2014) all'art. 11 – Manutenzione e revisione periodica delle costruzioni - al comma 6 prescrive che: “Tutti i fabbricati, entro 50 anni dalla data di collaudo delle strutture, o in assenza di questo, dalla loro ultimazione, dovranno essere sottoposti ad una verifica dell'idoneità statica di ogni loro parte secondo la normativa vigente alla data del collaudo o … di ultimazione del fabbricato, che dovrà essere certificata da un tecnico abilitato. … omissis … Entro 5 anni dall'entrata in vigore del presente Regolamento, tutti fabbricati esistenti ultimati da più di 50 anni  o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo non in possesso di certificato di collaudo, dovranno essere sottoposti a tale verifica e certificazione.”


STRUTTURE TEMPORANEE PER EVENTI O PER LAVORO

Nelle dinamiche commerciali e soprattutto di marketing odierne si ricorre sempre più spesso a strutture temporanee.

Per esempio per sfilate di moda, stand fieristici, eventi pubblicitari una tantum o permanenti, spettacoli estivi all'aperto, concerti, piste di pattinaggio invernali, presentazione auto, lancio nuovi prodotti, manifestazioni sportive o culturali e così via.

Si sono così sviluppate una serie di strutture “prefabbricate” e “leggere” da installare / assemblare in opera.

Chi non conosce o non ha mai visto un ponteggio? Esso è realizzato di aste (anche telai piani) composte a formare strutture tridimensionali di forma e misure a piacere. Altra struttura tipica sono le “americane”, ovvero tralicci di alluminio di varie misure e fogge da assemblare, per ottenere qualsiasi sagoma o geometria.

Le strutture per eventi sono regolate dalla Circolare Min. Interno n. 1689 – SG 205/4 del 01 Aprile 2011, con oggetto: “Locali di pubblico spettacolo di tipo temporaneo o permanente. Verifica della solidità e sicurezza dei carichi sospesi.”

Detta circolare prescrive, oltre a una minima documentazione tecnica conoscitiva dei sistemi e dei meccanismi strutturali usati con relativi Certificati, la necessità della Certificazione di Idoneità Statica (CIS) “... del sistema complessivo dei carichi sospesi in opera ...”.

Praticamente tutte le strutture per eventi hanno carichi sospesi quali luci, audio, etc. perciò tutte abbisognano obbligatoriamente del CIS.

I PONTEGGI essendo delegati a portare anche operai e dunque vite umane, rientrano nell'ambito della “Tutela della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro” di cui al D. Lgs n. 81 del 09 Aprile 2008.

Ogni marca o sistema di ponteggio è provvisto di un Libretto riportante le caratteristiche tecniche, gli schemi di calcolo, i carichi e le istruzioni di montaggio, uso e manutenzione.

Il ponteggio deve ricevere, preventivamente al suo utilizzo, l'Autorizzazione Ministeriale. Il libretto viene restituito all'Azienda vidimato in ogni pagina con aggiunta copia della lettera di Autorizzazione del Ministero.

Ponteggi montati secondo schemi non previsti nel Libretto o di altezza maggiore a m 20 necessitano obbligatoriamente del progetto redatto e sottoscritto da Tecnico Abilitato.

Dott. Ing. Luca Porfidia

Richiedici un preventivo gratuito!

Non esitare a contattarci per avere un preventivo gratuito realizzato sulle tue esigenze.

Alcuni dei nostri lavori