ECOBONUS/2 - CON LA RISTRUTTURAZIONE IL VALORE DEGLI IMMOBILI CRESCE DEL 30%

 

17 Mag 2017

Giuseppe Latour

Non c'è solo il beneficio immediato, che passa dallo sconto fiscale. L'impatto dei bonus per
l'edilizia va misurato anche guardando alla valorizzazione del patrimonio immobiliare. La
ricerca appena completata da Cresme e Symbola cerca di leggere gli incentivi per
ristrutturazioni, antisismica ed efficienza energetica anche sotto questa nuova luce. Arrivando a
un numero che esprime perfettamente l'importanza della manutenzione: la spinta della
riqualificazione può, infatti, aumentare del 30% il valore di ogni immobile. Spalmato su tutto il
patrimonio edilizio, il potenziale è di 20 miliardi ogni anno.


Per arrivare a questi dati, Cresme ha analizzato 500mila annunci immobiliari residenziali nel
periodo che va dal 2013 al 2016. È stato così possibile scoprire che mediamente le abitazioni
ristrutturate immesse sul mercato hanno un prezzo (299mila euro) del 29% superiore a quelle
non ristrutturate: la forbice, per la precisione, è di 65mila euro. Allo stesso tempo, gli immobili
riqualificati sono meno permeabili alle fluttuazioni legate alla crisi: fra il 2015 e il 2016 le
abitazioni ristrutturate hanno perso lo 0,9% del valore, quelle non ristrutturate il 4%. Insomma -
spiegano da Cresme e Symbola - «gli interventi di riqualificazione offrono un risultato in
termini di valorizzazione patrimoniale, di incremento della ricchezza del paese».


Non c'è, però, solo l'incremento già realizzato. Questa forbice del 29% consente, infatti, di
misurare anche l'impatto potenziale delle ristrutturazioni. Nel 2016, secondo l'Osservatorio del
mercato immobiliare, le case compravendute in Italia sono state 528mila: se tutte queste
abitazioni fossero state ristrutturate, il valore di questo spicchio di patrimonio edilizio sarebbe
aumentato di circa 20 miliardi di euro. D'altronde, a fronte di un intervento medio di
riqualificazione di 14.500 euro, una casa ristrutturata aumenta il suo valore di 65.750 euro.


Alla luce di questi dati, è evidente come la catena di trasmissione che mette in collegamento
incentivi fiscali, riqualificazione degli immobili e attività delle imprese del settore sia strategica
per far decollare la nuova edilizia. Anche perché gli italiani dimostrano grande sensibilità per
questi temi, come illustra un sondaggio realizzato da Ipsos. Oltre il 70% degli intervistati è
disposto a spendere di più per un'abitazione che consumi meno o che dia garanzie contro il
rischio sismico. Questa maggiore efficienza passa quasi sempre dagli sconti fiscali, diventati
ormai conosciutissimi. L'ecobonus, che permette di detrarre il 65% delle spese sostenute per la
riqualificazione energetica delle abitazioni, è familiare al 76% degli italiani. Paga, invece, la
giovane età il sismabonus, che garantisce sgravi per le ristrutturazioni antisismiche: lo conosce,
infatti, il 54% della popolazione.


P.I. 00777910159 - Copyright Il Sole 24 Ore - All rights reserved

Contattaci!

Richiedi ora un preventivo!

Alcuni dei nostri lavori